Editoriale

Cari Amici,
sono trascorsi incredibilmente 20 anni dal 1994,allorché davanti al notaio Santangelo, in Napoli,convenimmo in tanti dando luogo all’associazione << Salus publica sud, Domenico Cirillo>>. La prima iniziale sede fu presso l’ “Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, nella prestigiosa residenza storica del Palazzo Serra di Cassano, in via Monte di Dio, accolti dalla generosa ospitalità del grande indimenticabile ed ineguagliabile avvocato Marotta.
Si unirono allora tante energie democratiche e belle intelligenze del mondo della sanità e della salute, mediche e non.L’intento, diremmo la mission e la vision, era quello di difendere e rafforzare “al Sud” il valore del SSN universalistico, modernizzandolo,rendendolo insieme appropriato, efficace, oltre che efficiente, etico e condiviso (per dirlo col le parole della Qualità).
Furono fatte varie importanti iniziative ed anche quando, per ragioni logistiche e personali, la sede dell’Associazione fu trasferita da Napoli ad Avellino, il lavoro avviato non venne meno: per ultimo con l’…apertura dei ” Cantieri Meridionali di Medicina Sociale” e vari altri eventi collegati, cercando di mantenere viva l’attenzione sulla Sanità in Campania e nel Sud.Ci siamo riusciti ?
Certo ci abbiamo provato; e ne va merito a tutti quelli che si sono messi a lavoro e ci hanno messo la faccia.
Ma 20 anni sono tanti per una Associazione senza altri mezzi, a parte la passione,la volontà e la gratuità ( la generosità) dei ( non molti) protagonisti attivi, seppur sostenuti dalle parole di tanti amici.
Inoltre sono anni questi come tutti sappiamo davvero eccezionali, epocali,che hanno visto rivoluzioni, trasformazioni,cambiamenti sul piano del costume,della cultura, della produzione, delle logiche mondiali, del commercio e della produzione, della ricchezza, nel mondo. E noi tutti che siamo stati protagonisti, ora attivi, partecipi e consapevoli,ora soltanto impotenti spettatori, in questa tempesta, o temperie un pò siamo intanto cambiati.
E siamo chiamati a fare i conti con la realtà, non per abbandonare il fronte ( che si è trasformato), ma cercare altri modi di impegno, avendo Salus raggiunto un traguardo non replicabile.
Con rammarico, ma con consapevole orgoglio del lavoro svolto, il Direttivo di Salus , a ottobre u.s., ha deliberatola fine delle sue attuali attività, a fronte dei tanti cambiamenti.
Abbiamo tuttavia insieme deciso di darci ancora un ultimo appuntamento con un Incontro pubblico di Salus ed i suoi Cantieri, che è un modo di salutarci tra noi e di chi vorrà partecipare, con un evento di inizio anno, 2016,con un Convegno, di cui daremo più puntuale notizia in seguito,su: << Il welfare sanitario degli esclusi: povertà e migranti>>, con la collaborazione ed il sostegno di varie altre Associazioni. Non posso, certo con un poco di senile commozione non rivolgere un pensiero a cari amici che di Salus sono stati attivi protagonisti, e ci hanno lasciato, come il fraterno amico Elio Esposito, il dr. Donnarumma ed il caro Mimmo Giglio. Ed una particolare riconoscenza, mia e vostra va a Giovanni Canfora, che con pazienza infinita mi ha sostenuto, a Biagio Di Jorio ,sagace cassiere, a Giancarlo Brogna, entusiasta sostenitore ed alla coraggiosa, brava, seria competente Anna Marro e a voi tutti che vi siete dovuti sorbire questo mio caro abbraccio, e a Mimmo de Vito, generoso e leale membro del Direttivo, su cui per altro grava un poco di più il lavoro del Convegno annunciato.

Roberto Ziccardi.

IL CONTENUTO PRESENTE SUL SITO E’ UNA DOCUMENTAZIONE STATICA DELLE PUBBLICAZIONI AVVENUTE DAL MAGGIO 2006 AL FEBBRAIO 2014. IL SITO NON E’ INCREMENTABILE MA IL SUO MATERIALE E’ FRUIBILE.

per proseguire clicca qui SALUSPUBLICA